01
Dic

Biografia di Mons. Marco Dino Brogi o.f.m., Arcivescovo titolare di Città Ducale, Nunzio Apostolico

Fr. Marco Dino Brogi è nato il 12 marzo 1932 nella Comunità italiana d’Alessandria d’Egitto, città allora cosmopolita; egli svolse gli studi medi nella scuola salesiana di Alessandria fino alla Maturità Scientifica conseguita nel 1950.
Egli che allora era già membro della Società Dante Alighieri, entrò pochi mesi dopo la Maturità in servizio presso un Istituto Bancario.

Nel giro di pochi anni si è ritrovato impegnatissimo con il suo lavoro a tempo pieno, cui si era aggiunto un servizio di poche ore settimanali nell’ufficio amministrativo di un grande negozio di mode, e in attività di carattere religioso in quanto membro della Legio Mariae, di carattere culturale con i giovani italiani della “Dante”, e socio-ricreativo con i medesimi e con un gruppo di giovani cattolici in prevalenza siro-libanesi.

Nel 1956 ha interrotto queste attività ed ha lasciato quella Comunità italiana, oggi completamente dispersa, per entrare nella Casa di Formazione della Missione “in auxilium Coptorum” affidata ai Frati Minori Toscani, divenuta in seguito Custodia indipendente ed ora Provincia Francescana Egiziana, e qui ha professato la Regola di San Francesco il 28 agosto 1957 (Professione solenne il 25 aprile 1962) ed è stato ordinato Presbitero il 5 maggio 1963.

Ha poi conseguito a Roma nel dicembre 1966 la laurea dottorale in Diritto Canonico presso il Pontificio Istituto Orientale, ed una volta rientrato in Egitto ha svolto vari incarichi nel campo della formazione dei giovani frati ed è stato Consigliere Custodiale nel triennio 1968-1971.
Negli anni 1972-73 ha presieduto il Tribunale di prima istanza dell’Eparchia copta cattolica di Minia in Egitto.

In seguito egli ha prestato servizio presso la Congregazione per le Chiese Orientali (1973-1997), di cui è divenuto Sottosegretario nel 1991, ed ha partecipato dal 1974 ai lavori della Pontificia Commissione per la revisione del Codice di Diritto Canonico Orientale, dapprima in modo informale e poi a pieno titolo, essendone stato nominato Consultore nel 1983, sino alla promulgazione nel 1990 del Codice attuale, intitolato Codice dei Canoni delle Chiese Orientali.

In questo periodo egli è stato in Vaticano Consigliere del Consiglio Superiore delle Pontificie Opere Missionarie, “Adiutor” del Segretario Speciale dell’Assemblea Speciale per il Libano del Sinodo dei Vescovi (1995), Membro della Commissione Ecumenica e di quella “Nuovi Martiri” del Grande Giubileo dell’Anno 2000; etc., e, per incarico della Congregazione per le Chiese Orientali, Visitatore dei monasteri femminili dell’Ordine Libanese Maronita, etc.
Nell’OFM, è stato membro del Gruppo di Studio per il progetto “Comunità di Stati Indipendenti” e della prima commissione (nel 1984) per la revisione delle Costituzioni Generali e poi di quella per l’aggiornamento degli Statuti della Provincia Toscana, Visitatore Generale della Provincia Francescana Egiziana (nel 1986), etc.

Al Cairo aveva insegnato nella Casa di Formazione dei Francescani Egiziani (1967-1973) e nel Seminario Intereparchiale copto cattolico (1970-1973), e poi, a Roma, presso le Facoltà di Diritto Canonico, rispettivamente del Pontificio Ateneo Antonianum (oggi Pontificia Università Antonianum) dal 1974 al 1997 e del Pontificio Istituto Orientale dal 1983 al 1997, ed anche, per un breve corso informativo, presso l’allora Centro Accademico Romano della S. Croce, oggi Università Pontificia, dal 1988 al 1991.
Egli è tra i primi membri della Société du Droit des Eglises Orientales ed è anche stato Asesor Científico della Revista Española de Derecho Canónico.

Egli è autore di vari studi sul diritto canonico orientale.

Altre notizie biobibliografiche relative a questo periodo figurano, fino al 1997, nei Libri triennali del Pontificio Ateneo Antonianum, negli Acta del Pontificio Istituto Orientale, (dal 1984 al 1995-1996), ed in Isaac Vázquéz Janeiro, “Mons. Marco Brogi Nuncio Apostólico”, Revista Española de Derecho Canónico 54 (1997) 951 s.

Nominato nel 1997 da San Giovanni Paolo II Nunzio Apostolico in Sudan e Delegato Apostolico in Somalia, è stato da Lui ordinato Vescovo il 6 gennaio 1998; egli è poi stato dal 2002 al 2006 Nunzio Apostolico in Egitto e Delegato della S. Sede presso la Lega dei Paesi Arabi.

Questi incarichi gli hanno dato modo di visitare tutti i Paesi del Medio Oriente e del Corno d’Africa, il Kerala (India) e gran parte dell’Europa Orientale, e d’incontrare, sia in Vaticano ed a Roma, sia nei vari Paesi in cui si è recato, ecclesiastici e laici, cattolici e non cattolici, non solo cristiani, di ogni grado, livello culturale ed estrazione sociale; in queste circostanze, egli ha cercato di trasmettere ad ogni suo interlocutore il messaggio cristiano e francescano di fratellanza, di riconciliazione e di pace.

Dal gennaio del 2006 P. Brogi risiedeva nel convento Francescano di Fiesole (FI), sino al 2014 Casa di Formazione della Provincia Francescana Toscana, e nel 2009 è stato cooptato dall’Ordine Equestre del S. Sepolcro di Gerusalemme con il grado di Grand’Ufficiale.

A Fiesole conduceva vita regolare, mettendo a frutto la sua non breve esperienza canonistica e pastorale, ma ha anche proseguito per vari anni il suo servizio alla Santa Sede, quale Consultore della Seconda Sezione della Segreteria di Stato (dal 2006) e della Congregazione per le Chiese Orientali (dal 2007 al 2014), ed è stato Vice Postulatore delle cause dei Santi della Provincia Toscana (2006-2017): si è inoltre prestato per varie celebrazioni ed altri servizi liturgici nella Diocesi di Fiesole e nell’Archidiocesi di Firenze.

Il virus Covid-19 ha deteriorato rapidamente le sue condizioni di salute. Ricoverato all’Ospedale di Careggi (FI) il 14 novembre 2020, è deceduto domenica 29 novembre 2020, I Domenica di Avvento e festa di Tutti i Santi dell’Ordine Francescano, intorno alle ore 17:00.

La S.Messa esequiale è stata celebrata giovedì 3 dicembre 2020 alle ore 15:30 nella Basilica del Santuario della Verna, Chiusi della Verna (AR), e la salma sepolta nel cimitero del Santuario.